2010

Solaia 2010 IGT Toscana Rosso Antinori

Punteggi:
Wine Advocate: 97/100
James Suckling: 98/100
Guida Bibenda 2014: 5 Grappoli
Guida Oro I Vini di Veronelli 2014: Super Tre Stelle
Wine Spectator: 93/100
Wine Enthusiast: 97/100
Antonio Galloni: 98 /100
Falstaff: 95/100
Int Wine Cellar: 93/100



 

 

 

385.00 /750ml

Disponibile

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Solaia 2010 IGT Toscana Rosso Antinori”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Wine specs

Note di gusto

Solaia 2010 IGT Toscana Rosso Antinori

Di colore rosso rubino molto intenso, al naso il vino ? di grande impatto, con buona espressione delle variet? e note fragranti,
intense e dolci di frutta rossa e spezia.
L?annata fresca e lunga rende in bocca grande maturit? al vino, esaltandone l?ampiezza, la struttura e la sofficit? dei tannini, pur mantenendo eleganza ed equilibrio. Il finale ha grande persistenza, con evidenti richiami alle note speziate percepite al naso.

Solaia 2010 Antinori

con quale cibo

Abbinamenti perfetti

Solaia 2010 IGT Toscana Rosso Antinori

Specifiche del vino

Note sulla vinificazione

La raccolta ? iniziata a fine settembre in condizioni generalmente calde e soleggiate con piogge a tratti seguite da forti venti del nord che hanno asciugato le uve. L?alternanza di notti fresche e giornate calde ? stata un ulteriore contributo per la qualit? del raccolto.
La vendemmia ? iniziata con il Cabernet Franc a fine settembre, ? continuata con il Sangiovese nei primi di ottobre, e si ? conclusa con il Cabernet Sauvignon a met? ottobre.
La sanit? dei grappoli, la ricchezza di colore e aroma, e l?eccellente carattere varietale sono stati segni di uve di alto livello grazie anche ad una lunga stagione vegetativa.
All?arrivo in cantina, i grappoli sono stati delicatamente diraspati e gli acini, prima di essere pigiati, accuratamente selezionati al tavolo di cernita; qui la cura del dettaglio ? stata ai massimi livelli,
gli acini non completamente maturi, una rarit? per questa annata, sono stati scartati e solo quelli perfetti sono stati immessi nel serbatoio di vinificazione. Durante la fermentazione e la macerazione, nei serbatoi troncoconici da 60 hl,
il mosto si ? trasformato lentamente in vino, con attenzione estrema alla freschezza dei profumi, all?estrazione del colore, alla gestione del tannino volta alla dolcezza e all?eleganza; tutto questo ha richiesto grande sensibilit?,
conoscenza delle uve e costante cura del prodotto, che ? stato condotto alla svinatura solo dopo attente e giornaliere degustazioni. Una volta separate le bucce dal vino, si ? avviata la fermentazione malolattica che, in barriques, ha esaltato la finezza e piacevolezza del vino.
E? iniziato quindi il processo di maturazione in fusti di rovere francese per circa 18 mesi; durante questo periodo i diversi lotti, vinificati separatamente in base alla variet? e alle altre variabili viticole, si sono elevati in legno, per poi essere assemblati pochi mesi prima dell?imbottigliamento, effettuato in fattoria.

L'Azienda

La Storia

Dallo spicchio pi? assolato della collina di Tignanello. Dalle migliori uve del vigneto migliore. Il resto ? passione, cura, attenzione e ricerca.
Cos? nasce Solaia, prodotto con le pi? selezionate uve Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc e Sangiovese dell?omonimo vigneto.
Tenuta Tignanello si trova nel cuore del Chianti Classico, sulle morbide colline racchiuse tra le valli della Greve e della Pesa e si estende per 319 ettari di terreni,
con circa 130 ettari vitati. Tra i suoi vigneti, due tesori: il vigneto Tignanello e il vigneto Solaia che si estendono sulla medesima collina,
su terreni derivanti da marne marine del Pliocene con calcare e scisto, e godono di giorni caldi e notti fresche durante la stagione della crescita.
Dagli omonimi vigneti si producono Solaia e Tignanello, che sono stati definiti dalla stampa internazionale ?tra i vini pi? influenti nella storia vitivinicola italiana?.
Secondo i Marchesi Antinori, rappresentano una sfida continua ed una passione mai finita.
I vigneti di Tenuta Tignanello sono composti principalmente dall?autoctono Sangiovese e da variet? non tradizionali come Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc.